Sistema Museale
Salemi
Dove siamo

Ex Collegio dei Gesuiti
Via F. D’Aguirre
Salemi (TP)

Orari

Orari Estivi
Da martedì a domenica 10.30-18.30
Orari Invernali
Da martedì a domenica 10:00-14:00 e 15:00/19:00

Contatti

Il Museo

Il Sistema Museale di Salemi è caratterizzato da un corposo patrimonio artistico che comprende le cinque sezioni del Museo civico (arte sacra, archeologia, risorgimentale, museo della mafia e Officina delle legalità, l’Ecomuseo del Grano e del Pane), il castello Normanno Svevo, la Biblioteca comunale, il Centro per il cinema indipendente “Kim”, le Aree archeologiche di Mokarta, San Miceli, Monte Polizo e l’Antica fornace Sant’Angelo.
Le cinque sezioni del Museo civico sono ospitate nell’ex Collegio dei gesuiti:

Sezione 1

La sezione Arte sacra raccoglie diverse opere d’arte che si trovavano nelle chiese distrutte dal terremoto del ‘68. Tra queste la “Madonna della Candelora” di Domenico Gagini e una “Madonna con bambino” del Laurana scolpita nell’alabastro di Partanna.

Sezione 2

La sezione Risorgimentale conserva documenti della storia dei moti del 1848 e l’Impresa dei Mille fino all’Unità d’Italia; è arricchito da una collezione di armi (baionette, sciabole, fucili e trizzalore) del periodo.

Sezione 3

La sezione Archeologia espone reperti che vanno dalla Preistoria al Medioevo provenienti dagli scavi condotti in Contrada Pitrazzi, a Monte Polizo, a Mokarta, nel centro storico e a San Miceli.

Sezione 4

La sezione Museo della Mafia e Officina della legalità racconta in un percorso espositivo emozionale ed evocativo il fenomeno criminale in modo provocatorio attraverso articoli pubblicati sui giornali, opere letterarie e cinematografiche.

Sezione 5

L’Ecomuseo del Grano e del Pane contiene svariati manufatti artistici (prodotti video, foto-grafie, opere d’arte) provenienti dalla sperimentazione artistica e dall’interpretazione del tema del pane e del rito realizzati da artisti siciliani contemporanei.

CONDIVIDI LA RETE

Siamo social

Condividi i luoghi della Rete Museale Belicina.
Condividi l’amore per l’identità dei nostri luoghi.