Itinerario
della Memoria

Riappropriarsi di identità e bellezza.

L’Itinerario

Il più giovane tra i musei della rete è Belìce/EpiCentro della Memoria Viva a Gibellina, che racconta delle lotte della gente di queste terre a partire dalla marcia condotta da Danilo Dolci nel 1967 per poi attraversare i dissensi popolari post-terremoto e ricostruzione. A Santa Margherita di Belìce, nel nuovo edificio che ingloba le rovine della chiesa Madre, distrutta dal terremoto del 1968, è stato allestito il Museo della Memoria, al suo interno immagini del terremoto, articoli di giornali del tempo e documenti raccontano il terremoto del Belìce. Due strutture che lasciano nel visitatore forti emozioni, i disagi e le vicende  di un popolo  che si deve riappropriare della propria identità e della bellezza dei luoghi che ha perso.

Back to top
Preferenze Privacy

Quando visiti il nostro sito Web, può memorizzare informazioni attraverso il tuo browser da servizi specifici, di solito sotto forma di cookie. Qui puoi modificare le tue preferenze sulla privacy. Vale la pena notare che il blocco di alcuni tipi di cookie può influire sulla tua esperienza sul nostro sito Web e sui servizi che siamo in grado di offrire.

Clicca per abilitare/disabilitare Google Analytics tracking code.
Clicca per abilitare/disabilitare Google Maps.
Clicca per abilitare/disabilitare video embeds.
Il nostro sito Web utilizza i cookie, principalmente da servizi di terze parti. Definisci le tue preferenze sulla privacy e / o accetta il nostro utilizzo dei cookie.